Lara Bellardita - MioDottore.it
Seleziona una pagina

Per i privati

Consulenza Psicologica

Lo stato di salute è il risultato di un insieme di complesso di fattori bio-psico-sociali, tra cui le abitudini e gli stili di vita. Adottare comportamenti che promuovono la salute richiede informazione, impegno, consapevolezza. É facile trovare “buoni motivi” e alibi per non cambiare. Attivare il cambiamento è possibile. Dal 2004 lavoro con i pazienti e i loro familiari con percorsi mirati a sostenere la qualità di vita. Ho condotto più di 500 interviste cliniche e interventi di sostegno psicologico per lo più in relazione alle malattie cardiache e oncologiche.

Offro percorsi di consulenza psicologica e coaching sugli stili di vita personalizzati e mirati a far emergere la motivazione al cambiamento e ad attivare nuovi comportamenti. I percorsi possono essere in presenza e online e sono progettati per:

  • lo sviluppo di stili di vita salutari (alimentazione, esercizio fisico, tecniche di distensione);
  • il miglioramento della gestione di condizioni di malattia cronica;
  • la promozione del benessere nei diversi contesti organizzativi e aziendali.

Percorsi e interventi

  • Nutri il cambiamento. Percorso di 8 incontri (in collaborazione con dott.ssa Rachele Aspesi, farmacista e biologa nutrizionista) in presenza o online 
      • Quali bisogni? Modificare il proprio stile di vita a seguito della diagnosi di una malattia;  limitare la predisposizione a malattie associate a obesità e sedentarietà; trovare soluzioni alternative a comportamenti che aiutano a tollerare lo stress cronico ma rappresentano un rischio per la salute generale sul medio-lungo termine.
      • Quali soluzioni? Comprensione delle preoccupazioni riguardanti la forma e il peso corporeo; identificazione della predisposizione ai disturbi alimentari; educazione alimentare dal punto di vista emotivo e comportamentale; identificazione di obiettivi realistici di cambiamento; messa a punto di un programma a lungo termine che sia sostenibile e gratificante; distinzione la distinzione tra il senso di fame e il bisogno di mangiare per motivi emotivi e psicologici; condivisione degli obiettivi nel nucleo familiare o nel contesto lavorativo.
      • Quali risultati? Aumento del livello di benessere soggettivo; miglioramento della qualità del sonno; aumento del livello di energia nell’arco della giornata; aumento del senso di auto-efficacia e di auto-stima.
  • Malattia come opportunità. Percorso di 8 incontri in presenza o online
      • Quali bisogni? Affrontare l’evento critico della diagnosi di una malattia; supportare un familiare nella gestione di una malattia oncologica/cronica/disabilitante; gestire l’aspetto emotivo degli effetti collaterali di un percorso terapeutico; gestire gli aspetti emotivi e interpersonali del dolore cronico; ansia eccessiva per possibili peggioramenti; uscire dall’isolamento seguito a un percorso di cura.
      • Quali soluzioni? Comprensione della complessità della risposta emotiva alla malattia; analisi del processo di elaborazione del trauma associato alla diagnosi; supporto nel processo di accettazione e di ri-progettazione della quotidianità; attivazione di un percorso di crescita post-traumatica .
      • Quali risultati? Aumento del livello di benessere soggettivo; miglioramento della qualità di vita; allentamento delle tensioni a livello familiare; elaborazione di nuove progettualità in armonia con le limitazioni dello stato di malattia; aumento della capacità di mettere sullo sfondo i sintomi; rinnovato interesse in attività di svago e sociali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ho smesso di fumare. Vivrò una settimana di più e in quella settimana pioverà a dirotto.

(Woody Allen)

Psicoterapia Ipnotica

L’ipnosi è un fenomeno psicologico di cui è stata dimostrata l’efficacia clinica nel trattamento di un numero di problemi fisici e psicologici e nella promozione del benessere. Le ricerche riportano evidenza di risultati soprattutto per le patologie dell’asse intestino-cervello, l’ansia e le condizioni legate allo stress cronico. 

Offro percorsi di percorsi di Psicoterapia Ipnotica a persone che stanno affrontando disagi psicologici legati a malattie croniche, cambiamenti di vita importanti e difficoltà interpersonali e che sentono il bisogno di riallinearsi con la parte più profonda e saggia di sé.

La Psicoterapia Ipnotica rappresenta un’opzione di psicoterapia breve basata su due assunti principali:

  • Ogni persona è unica e il trattamento richiede un approccio altamente personalizzato
  • Ogni persona ha risorse interne e potenzialità, spesso inconsce, che portano all’adattamento alle situazioni, alla crescita e alla resilienza. Obiettivo della Psicoterapia Ipnotica è far emergere tali risorse.

Attraverso la Psicoterapia Ipnotica accompagno le persone a focalizzare la propria attenzione e vedere nuove prospettive, acquisendo maggiore fiducia nelle proprie capacità di affrontare le sfide, risolvere problemi e prendere decisioni.

Percorsi e interventi

  • Percorsi per la gestione di stress cronico e ansia 
      • Quali bisogni? Stato di preoccupazione costante ed eccessiva; irrequietezza; nervosismo; costante affaticamento; difficoltà a concentrarsi o vuoti di memoria; facile irritabilità; tensione muscolare e alterazioni del sonno (difficoltà nell’addormentamento, nel mantenimento o nella soddisfazione generale del sonno); sensazione di trovarsi in una costante condizione di minaccia.
      • Quali soluzioni? Acquisizione di tecniche di rilassamento e distensione per abbassare lo stato di attivazione psico-fisiologica; integrazione di pratiche di “manutenzione ordinaria” per abbassare lo stato di tensione; analisi delle risorse a disposizione per affrontare lo stato di stress ansia e potenziamento delle risorse attraverso le induzioni ipnotiche.
      • Quali risultati? Sviluppo di un atteggiamento di accettazione dell’ansia nei suoi aspetti utili nella vita quotidiana; aumento della capacità di stare nel qui e ora e fermare la tendenza a rimuginare; generale diminuzione dello stato di ansia; maggiore capacità di gestire l’ansia in momenti critici. 
  • Percorsi per la gestione di disturbi somatici
      • Quali bisogni? Presenza di sintomi fisici che fanno pensare a una condizione medica e che non sono invece giustificati da esami diagnostici e diagnosi medica (ad es., disturbi gastro-intestinali, dolore); elevato livello di ansia riguardante la salute.
      • Quali soluzioni? Valutazione condivisa dello stato di benessere psicologico generale; individuazione e ristrutturazione di false credenze e convinzioni auto-limitanti; individuazione delle risorse emotive e consolidamento attraverso le induzioni ipnotiche.
      • Quali risultati? Aumento del senso di auto-efficacia e auto-stima; generale miglioramento dello stato di benessere psicologico; maggiore capacità di gestire l’ansia in momenti critici; recupero della qualità di vita; miglioramento della qualità delle relazioni interpersonali.

La mente è come un paracadute. Funziona solo se si apre.

(A. Einstein)